lunedì 31 ottobre 2011

Frutta Martorana



Anche quest'anno, come da tradizione, nel periodo dei defunti ho preparato la frutta martorana.
Assieme a delle splendide amiche, abbiamo  prodotto svariati chili di fruttini, in quello che oramai è diventata un consuetudine: il "Martorana day".
La mia ricetta non prevede cottura, ma un impasto a freddo di farina di mandorle, zucchero a velo, glucosio ed acqua. Eccola:


Frutta Martorana

1 kg di farina di mandorle
1 kg di zucchero a velo
100 gr di glucosio
150 gr di acqua 

Miscelare farina di mandorle e zucchero a velo, unire glucosio ed acqua ed impastare. Prima facevo tutto a mano, adesso ci pensa il Kenwood con un notevole risparmio di tempo.
Formare i fruttini, con l'aiuto dei tipici stampi in gesso, ma chi ha una buona manualità può tranquillamente formarli a mano.
Dipingerli con colori alimentari diluiti con alcol, aiuta molto dare una prima mano di giallo, poi colorare a piacere.
E' una ricetta semplicissima, la cosa un po' più laboriosa è fare le sfumature giuste e dipingere la frutta, però vi assicuro che è molto divertente soprattutto quando si fa in buona compagnia.

19 commenti:

  1. carissima, ancora una giornata di lavoro ed allegria...sempre bellissimo stare con voi!
    anita

    RispondiElimina
  2. sono stata molto molto contenta di vederti/vi...è sempre una bella giornata il martorana daY!

    RispondiElimina
  3. Bravissima Enza!! e' molto bella la tua martorana! Una domanda: hai mai provato a dare il colore di base, ad esempio il rosa per le pesche, direttamente all'impasto? Oggi guardavo dei "panini con la milza" e le fettine mi sono parse colorate con questo sistema ...

    RispondiElimina
  4. E' stata una bellissima giornata!
    Cristina nooo!
    La matorana è bella nature dentro!
    Mi farebbe una certa impressione addentare un frutto tutto colorato.
    Poi ci vorrebbe un sacco di tempo a fare i panetti di tanti colori e tanti coloranti, che seppur alimentari... beh meglio usarne il minimo indispensabile!

    Magari si potrebbe provare con i piccoli dettagli, come per esempio la milza.

    RispondiElimina
  5. Milza ma anche panelline e crocchettine probabilmente. Mi procuro gli stampini e la prossima volta faccio da cavia.
    Ciao Enza e ancora comlimenti!

    RispondiElimina
  6. Grazie!
    Cristina, fammi sapere :-)

    RispondiElimina
  7. Enza, i tuoi fruttini sono deliziosi. Uno di questi giorni mi autoinvito per farli insieme. Un bacio. Ale

    RispondiElimina
  8. Ale, sarà un vero piacere!

    RispondiElimina
  9. che trionfo di colori! davvero bravissima.. è perfetta questa frutta!! mi unisco al tuo blog.. ciao

    RispondiElimina
  10. La tua frutta martorana mi riporta indietro ai miei anni più belli....Per la "notte dei morti" i miei ci riempivano le scarpe lasciate sul camino ...e al mattino erano zeppe di frutt acolorata e "ossa di morto"...che bei ricordi! Grazie per averli riportati a galla! Ciaaaooo!
    Tè.

    RispondiElimina
  11. Anche io ho ricordi simili di quando ero bambina! ;-)

    RispondiElimina
  12. Sa che non l'ho mai vista, è davvero bella! Dalle mie parti invece si preparano le ossa dei morti, sono dei biscottini... un abbraccio e buonissima giornata

    RispondiElimina
  13. Davvero bella e per un attimo ho avuto davanti agli occhi le vetrine delle pasticcerie
    nel giorno dei morti,quando vivevo a palermo.
    I colori che utilizzi sono quelli in polvere o in gel ? e l'alcol è quello a 95°?
    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
  14. Francesca, uso i colori in gel della Sugarflair, sì l'alcol è quello a 95°.
    Grazie a te :-)

    RispondiElimina
  15. mai fatta la martorana e ammiro chi la fa... sono stupende queste sculture mangiabili!!! :)

    RispondiElimina
  16. ciao mi sai consigliare dove compreare i calchi x la frutta?

    RispondiElimina